HOME   EVENTI   DIPINTI   SCULTURE   INSTALLAZIONI   LIBRI D'ARTISTA   CERAMICHE   BIOGRAFIA   MOSTRE   BIBLIOGRAFIA   CRITICA   CONTATTO   WEB



PALAZZO PRETORIO, Piazza San Pietro, Chiavenna SO
29 settembre - 27 ottobre 2019

Mostra personale a cura di Michele Caldarelli

ACQUA
un tema universale letto e interpretato per immagini e parole


Nel Codice Atlantico di Leonardo a Vinci, che a più riprese tratta delle acque del territorio Lariano, compare ampiamente descritta la Val Chiavenna... “Su per il Lago di Como, di ver Lamagna (Germania) è valle di Ciavenna, dove la Mera fiume mette in esso lago. Qui si truova montagni sterili e altissime con grandi scogli (rocce)... Su per detto fiume si truova cadute d'acqua di 400 braccia, le quali fanno bel vedere...” Si tratta delle cadute dell'Acqua Fraggia (Fracta) che dal laghetto glaciale posto a 2000 metri precipitano in modo “spezzato” a più riprese creando visioni liquide e di vapori di grande suggestione.
Chiavenna, che nel proprio territorio ospita tale paesaggio fatto di imponenza rocciosa e fluidità dai mille aspetti, ospita ora questa mostra di Emilio Alberti che dell'acqua ha fatto proprio motivo di ispirazione e su questo tema ha sviluppato un'ampia rassegna di sue opere, alcune delle quali sono state già esposte a Como, in San Pietro in Atrio per la mostra Mondi Liquidi, a Calolziocorte (LC), nel Monastero di Santa Maria del Lavello e presso Museo del Po nel Palazzo Ducale di Revere con l'attuale titolo Acqua. La rassegna si propone ora, rinnovata, a Chiavenna, in prospettiva di un lungo percorso che prossimamente toccherà altri musei e istituzioni.
L'acqua è considerata da Emilio Alberti come sorgente di vita, elemento di purificazione o di rigenerazione. Elemento primordiale, costitutivo simbolico delle origini del mondo, sostanza genitrice e veicolo di trasformazione, la cui superficie separa il cielo dalle profondità dell'abisso. Ora specchio immobile, riflettente, nello stagno di Narciso, ora flutto tumultuoso e violento, causa di naufragio oceanico, fiume infernale... Stige, Cocito, Lete. I suoi aspetti, le sue nature, nutrono quasi all'infinito l'immaginazione umana, supportano tutto ciò che è transeunte tra vita e morte, penetrano il mistero dell'esistenza, porgendo immagini, rêveries o concretamente anche supporto visivo e sonoro alla narrazione letteraria, all'immaginazione artistica, alla speculazione filosofica. Ma, non va certo dimenticato, l'acqua è anche vita materiale, elemento prezioso per la sopravvivenza di tutti gli esseri viventi, che va conservato e utilizzato con intelligenza sulla terra, come pure ricercato altrove nel cosmo per una possibile migrazione dell'umanità oltre i destini del nostro pianeta o, più in là, del sistema solare. (M. Caldarelli)



Exibart - Corriere di Como - Archivio Attivo - FbEvents



       

BREZZA SUL LAGO, Acrilici, stucchi, alluminio su masonite, cm 80x65, 2016 ______________FONTANA, Acrilici, stucchi, alluminio su tela, cm 120x100, 2019